Giovedì, Ottobre 14, 2010

● Parità di trattamento

Stefano Cucchi

1) Sull’onda emotiva dell’investimento e dell’uccisione di un cane da parte di un taxi un uomo picchia un taxista, che cade e purtroppo batte la testa ed entra in coma. Per fortuna l’aggredito sta meglio e si sta riprendendo.

Sono state arrestate tre persone con l’accusa di tentato omicidio: il presunto picchiatore e due improbabili “aiutanti”, rei soprattutto di essere parenti dell’aggressore e di essere stati presenti al fatto.

L’aggressore: “Potessi essere io al posto suo… Gli chiedo scusa e se potessi riparare mi toglierei anche un polmone, perché questa persona non se lo merita”. Così Morris Michael Ciavarella, arrestato per tentato omicidio in relazione all’aggressione del taxista Luca Massari, si è rivolto al gip nell’interrogatorio di garanzia per la convalida dell’arresto.
Come ha spiegato il suo legale, l’avvocato Carlo Maffeis, Ciavarella è “disperato e sconvolto” e ha chiesto proprio al suo legale di mettersi in contatto con la famiglia di Massari per chiedergli scusa.
Ciavarella ha spiegato al gip di Milano, Maria Grazia Domanico, che la sua “intenzione” era solo quella di “tirare due schiaffi per spaventare, ma purtroppo è successo quello che è successo”. L’uomo ha raccontato di aver colpito il tassista con “due manate, una sola delle quali andata a segno, e con una sorta di ginocchiata, data come uno spintone”. Sarebbe stata, stando alle indagini del pm di Milano Tiziana Siciliano, proprio la ginocchiata il colpo più violento del pestaggio, che avrebbe fatto cadere Massari a terra, con la nuca che ha poi colpito il marciapiede.

2) Sull’onda emotiva che dà l’ebbrezza del potere un pool di funzionari dello stato maciulla Stefano Cucchi. L’aggredito muore.

Sono indagate tredici persone per lesioni personali, abuso di autorità e abbandono d’incapace. Nessun arresto, sono tutti a piede libero e continuano a svolgere tranquillamente il loro lavoro di pubblici ufficiali e garanti dell'ordine.


Condividi

JusPrimaeNoctis on Facebook
Vai su

Area amministrazione